Gli scheletri rivelano chi erano i primi cavalieri

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie su scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Gli scheletri rinvenuti nelle tombe nell’Europa sud-orientale recano le prime prove conosciute di equitazione nella documentazione archeologica, ha rivelato una nuova ricerca.

L’equitazione è stato uno sviluppo cruciale nella storia umana – trasformando l’agricoltura, i trasporti e la guerra – ma esattamente quando gli umani hanno capito come salire sul dorso di un cavallo e dirigere gli animali per andare dal punto A al punto B, è stato difficile definire.

Tuttavia, uno studio pubblicato la scorsa settimana sulla rivista Science Advances ha rilevato che nove persone sepolte tra 4.500 e 5.000 anni fa che vivevano in quelle che oggi sono Romania, Bulgaria e Ungheria hanno mostrato modelli di usura sulle ossa delle gambe, sulla colonna vertebrale e sul bacino che suggeriscono che cavalcassero cavalli regolarmente. .

I ricercatori hanno esaminato 217 scheletri trovati in tumuli funerari chiamati kurgan in Romania, Bulgaria, Ungheria e Serbia.

Per rilevare se le persone sepolte nelle tombe fossero cavalieri, i ricercatori hanno definito sei criteri che ritenevano fossero le caratteristiche dell’equitazione. Ad esempio, il movimento su e giù associato all’attività può danneggiare le vertebre spinali e l’uso delle cosce per afferrare il cavallo può causare usura nel punto in cui i muscoli della coscia incontrano le ossa della coscia.

“Le ossa riflettono la vita di una persona”, ha detto l’autore principale dello studio, Martin Trautmann, un bioantropologo dell’Università di Helsinki.

“Se sei seduto a cavallo, e soprattutto se non hai le staffe, devi tenere duro. E lo fai stringendo insieme le gambe e i muscoli abduttori dell’anca. Devi anche bilanciarti tutto il tempo per evitare di scivolare giù da cavallo. Quindi i muscoli centrali devono tenerti in posizione eretta rispetto al bacino”, ha spiegato, aggiungendo che i moderni equestri, come i cowboy, mostrano modelli simili di usura scheletrica.

Un totale di 24 individui nelle tombe studiate mostravano alcuni di questi segni, anche se solo nove degli scheletri studiati mostravano almeno quattro dei sei criteri, designandoli chiaramente come cavalieri, secondo lo studio. Di questi nove, tutti ritenuti resti umani, cinque avevano cinque delle caratteristiche e uno scheletro ben conservato proveniente dalla Romania mostrava tutte e sei.

La maggior parte degli scheletri apparteneva a un gruppo di persone conosciute come Yamnaya, pastori di bovini e pecore della steppa del Ponto-Caspio che si estende dall’Europa sud-orientale al Kazakistan, costeggiando il Mar Nero e il Mar Caspio a nord.

Scavi archeologici in un tumulo a Malomirovo, Bulgaria.

“Puoi chiamarli i primi nomadi del mondo”, ha detto il coautore dello studio Volker Heyd, professore di archeologia all’Università di Helsinki. “Dalla fine del IV millennio a.C., li vediamo diffondersi a est ea ovest. Erano impegnati in una spettacolare campagna di espansione. Per quanto riguarda le nostre scoperte sul fatto che cavalcassero cavalli, allora questa espansione di 5.000 o 6.000 chilometri ha senso. »

Si pensa che i cavalli siano stati probabilmente addomesticati per la carne e il latte prima di essere cavalcati.

L’analisi del DNA ha suggerito che i cavalli furono addomesticati per la prima volta circa 4.300 anni fa nelle steppe della regione del Mar Nero, parte della Russia moderna, prima di diffondersi in Asia ed Europa nei secoli successivi.

Si pensa che i primi carri trainati da cavalli siano stati utilizzati circa 4000 anni fa.

Leave a Reply